forex trading logo

Home Articoli
Reggio Calabria ospita il Titolo Italiano dei mediomassimi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 28 Agosto 2008 00:00

L’Amaranto Boxe unitamente al team Rosanna Conti Cavini è protesa all’organizzazione della manifestazione di pugilato professionisti che vedrà il giovanissimo pugile reggino Francesco Versaci impegnato nel tentativo della conquista del titolo Italiano dei pesi MedioMassimi, opposto a Maurizio Lovaglio.

L’importante riunione pugilistica si svolgerà lunedì 15 settembre nella meravigliosa e caratteristica “Arena Ciccio Franco”, sul lungomare di Reggio Calabria.

 

La manifestazione si inquadra tra gli eventi programmati in occasione dei festeggiamenti in onore della Madonna della Consolazione, dal Comitato Feste Patronali del Comune di Reggio Calabria; con il prezioso apporto del Sindaco Giuseppe Scopelliti e del Presidente del Comitato Feste Giuseppe Agliano.

Una serata che si preannuncia spettacolare, perché oltre al match tra Versaci e Lovaglio, il pubblico che convergerà a Reggio Calabria potrà assistere ad incontri dagli elevati toni agonistici, infatti, saliranno sul ring per combattere, sulla distanza delle sei riprese, il welter umbro Michele Di Rocco opposto all’ungherese Laszlo Komjathi; quindi sarà il turno di Antonio De Vitis, campione Internazionale Ibf dei superpiuma, che incrocerà i guantoni con l’ungherese Csaba Ladanyi; subito dopo sul ring salirà il siciliano Vincenzo Rossitto, con il supporto dei suoi supporters che giungeranno numerosi da Siracusa, affronterà un altro magiaro, Otto Nemeth con il fermo proposito di ritornare alla vittoria.

Poi gli animi ed il tifo cominceranno a surriscaldarsi nel momento in cui sarà impegnato per il secondo match da professionista, ancora un “prodotto” dell’Amaranto Boxe, il leggero messinese Alfredo Natoli, che vorrà bissare la vittoria conseguita nel debutto a Messina, ma per farlo dovrà superare l’ungherese Lajos Orsos, che come tutti gli altri connazionali fa parte della scuderia di Richard Szilagyi.

Francesco Versaci, mediomassimo di Reggio Calabria appena 22enne, è uno dei pugili con maggiore prospettiva di carriera all’interno dell’organizzazione di Rosanna Conti Cavini. Prodotto della “Amaranto Boxe” diretta da Giuseppe Fedele, che segue il ragazzo all’angolo, Versaci è passato prestissimo al professionismo, dieci giorni prima di compiere vent’anni nel 2005 a Bastia Umbra con una vittoria ai punti su Bela Kiss. Da quel giorno una bella sequela di convincenti vittorie, anche con collaudatori stranieri di una certa esperienza, hanno convinto Umberto Cavini a offrire al ragazzo nell’aprile dell’anno scorso l’opportunità del vacante titolo del Mediterraneo Wbc, che Versaci ha fatto suo in bello stile, regolando nella sua Reggio Calabria l’esperto Remo Tatangelo. Un paio di test estivi, superati anch’essi in bello stile, hanno portato l’appena 22enne Versaci a recarsi a Pisa, a casa del campione italiano dei mediomassimi Dario Cichello, per cercare di strappare anche il titolo tricolore di categoria: dopo un’ ottima fase iniziale del match, complice una condizione fisica non ottimale e un richiamo ufficiale non proprio chiarissimo, Versaci cedeva un po’ nel finale e veniva penalizzato da un verdetto comunque strettissimo a favore dell’avversario. In attesa di avere una nuova opportunità, il ragazzo reggino superava un altro test a Cecina lo scorso aprile, poi l’occasione importante si manifestava di nuovo: Cichello abbandonava il titolo italiano dei mediomassimi e, classifiche Boxrec alla mano, venivano chiamati a disputarselo proprio Versaci contro un avversario di tutto rispetto, il torinese Maurizio Lovaglio, 26enne già finalista della Coppa Italia. Per prepararsi al match, Versaci e il suo staff tecnico sceglievano una strada tutt’altro che di comodo, affrontando a Messina la scorsa vigilia di Ferragosto l’ostico piemontese Massimiliano Pizzo: ne usciva un match di grande intensità in cui Versaci si doveva impegnare allo spasimo e mettere in campo tutta la sua maggiore tecnica per tenere a freno e battere ai punti in sei riprese un avversario che era giunto in Sicilia a fare tutto fuorché una gita. La vittoria dava fiducia a Versaci, e modo a Fedele per aggiustare un attimo la preparazione in vista delle dieci riprese di questo secondo treno che per il non ancora 23enne pupillo di Rosanna Conti Cavini significherebbe titolo di campione italiano e possibilità di aspirare presto a nuovi traguardi internazionali.

Il maestro Giuseppe Fedele ed il Direttore Sportivo Carmelo Regolo, non stanno trascurando nulla per far giungere nelle migliori condizioni Francesco Versaci a questo importante appuntamento. Il giovane pugile calabrese in questa delicata fase di preparazione si sta avvalendo per la preparazione atletica dell’esperienza del Maestro dello Sport Saverio Neri, sta effettuando rieducazione motoria con il chinesiologo Gianni Quattrone; ed infine sta facendo guanti con tutti i compagni di palestra ed in particolare si sta avvalendo della preziosa collaborazione del neoprofessionista dei Massimi Rosario Guglielmino di Fiumefreddo, pugile di provata esperienza e da decenni sulla cresta dell’onda.

Anche il sottoclou dilettantistico si annuncia interessante, con almeno tre altri pupilli della Amaranto Boxe come il massimo Graziano Calabrò e il SuperMassimo Angelo Trimboli ed il welter Mario Argento sul ring; la riunione avrà inizio alle ore 20,30, mentre è prevista la diretta su Rai Sport Più con commento affidato a Mario Mattioli e a Nino Benvenuti dalle ore 22.00 (momento in cui salirà sul ring Francesco Versaci).

Ultimo aggiornamento Domenica 19 Dicembre 2010 19:03
 

Cerca




Powered by Joomla!. Designed by: joomla 1.5 templates vps hosting Valid XHTML and CSS.